Si è verificato un errore nel gadget

venerdì 19 aprile 2013

Riproposta. Sempre valida.


Ho creduto di conoscerti,
Amore.
Poi, ho creduto di perderti.
Invece tu sei sempre rimasto là,
lontano,
a farti guardare.
Non ti sei fatto conoscere.
Grazie.
In questo modo, infatti, non ho potuto neppure perderti.
Perché non si può perdere
qualcosa che non si conosce.

lunedì 15 aprile 2013

L'uomo del porto

Oggi ho cinquantaquattro anni. Cinquantaquattro? O cinquantacinque? Non me lo ricordo di preciso. Ho sempre avuto un brutto rapporto con i numeri. A dire il vero, ho sempre avuto un brutto rapporto anche con le persone. Con le donne soprattutto. Per questo un giorno ho deciso di allontanarmi dal mondo. E vivere qui, dove nessuno viene a cercarmi, dove le coppiette che passeggiano mano nella mano si scansano come se potessi attaccare loro la lebbra. Per alcuni sono semplicemente un barbone, ma per molti sono l'uomo del porto. Perché è proprio qui che sto: nei dintorni del porto di questa schifosissima cittadina di mare. E pensare che un tempo l'ho anche amata questa città. Avevo un lavoro. Era un buon lavoro di impiegato in banca. Ma, ve l'ho già detto, io con i numeri non ho mai avuto un buon rapporto. E neppure con le persone. E' ovvio che le cose siano andate male: in banca non potevo evitare né i numeri né le persone.
Però il mare mi piace. Da sempre. Mi piaceva prima, e continua a piacermi ora. Poco prima che giunga la mia ora -e spero sia molto presto-, voglio buttarmi in mare e morire lì, in quella distesa fluida e scura. Alla faccia di tutta questa gente di merda!
C'è stato un periodo, dicevo, in cui ho amato questa città. Avevo un lavoro e un sacco di progetti. Soprattutto, avevo una donna. Ma non le odiavi le donne?, direte voi. Sì, le ho odiate dopo. Per molti anni mi sono piaciute. Anche tanto. Ho iniziato a odiarle dopo Lei. Paradossalmente, ho iniziato a odiarle proprio dopo quella che ho amato più di chiunque altra.
Lo so che ora vorreste che vi raccontassi la storia, che vi dicessi chi era Lei, perché l'ho amata così tanto e perché dopo di Lei ho odiato l'intero universo femminile. Mi dispiace, ma non ho alcuna intenzione di soddisfare la vostra curiosità. Non voglio ricordare nulla di tutto ciò che è stato. Di quegli anni, però, mi porto sempre dietro un foglietto ormai sgualcito:

Il più bello dei mari
è quello che non navigammo.
Il più bello dei nostri figli
non è ancora cresciuto.
I più belli dei nostri giorni
non li abbiamo ancora vissuti.
E quello
che vorrei dirti di più bello
non te l'ho ancora detto.

La firma ormai non si legge più, forse per tutte le volte che il mio dito ci è scivolato sopra. Me l'aveva dedicata Lei, scritta di suo pugno. Era la poesia di un grande poeta. Sinceramente non mi ricordo il nome, né mi interessa ricordarlo. So solo che è la cosa più vera che Lei mi abbia mai scritto.

venerdì 12 aprile 2013

I miei lavori come articolista!

Cari lettori,
questo post è per segnalarvi i pezzi che mi hanno affidato diversi siti internet.
Se vi va, leggeteli.


...e sono 23!

Stavolta scrivo un post un po' insolito, così, senza un motivo particolare. Forse anch'io, come alcuni personaggi dei miei racconti, a volte ho solo voglia di scrivere, pur non avendo nulla da raccontare.
Ieri, alle 22,30, ho compiuto 23 anni!
Come spesso avviene in queste date un po' particolari, si riflette un po' più del solito. Forse un po' troppo.
E' stata una bella giornata, insieme alle persone che mi vogliono bene e con gli auguri di tutti i miei amici. E domani...si festeggia!
Un po' di tempo fa mi sono promessa una cosa: cerca ogni occasione per festeggiare, per divertirti, per gioire. Non sprecare neppure un momento.
Ed è così che faccio.
Oggi voglio ringraziare il mio migliore amico, qui in questo post: oggi ho ricevuto il suo regalo. Innamorarsi dell'amore, di Osho. Non appena lo finirò, scriverò la recensione. Penso che mi sorprenderà.
Riflettevo anche sul fatto che finalmente, dopo parecchio tempo, sento di avere di nuovo in mano la mia vita. Certo, è paradossale che, proprio ora che sento di aver ricominciato a vivere, sia sparita dalla mia vita la persona che, per tutto il tempo in cui mi sono sentita morire, mi ha aiutata a resistere.
Qualcuno, non ricordo chi, diceva che bisogna imparare a lasciar andare le persone. Perché, forse, quando vanno via è perché non hanno più nulla da darci.
E poi non c'è nulla che dura per sempre. Vero?
Alcuni rimpianti ce li ho. Alcune cose che avrei voluto fare e non ho fatto. Perché non ho potuto farle. Di quelle sentirò sempre la mancanza. Ma il vuoto che quelle esperienze mancate hanno lasciato, ora so che verrà colmato da altre. Altrettanto belle.
Un bacio a tutti,
alla prossima!


lunedì 8 aprile 2013

Scribox: intermediario fra autori e editori

Cari lettori, da poco tempo mi sono iscritta a scribox.it:
è un sito molto utile che permette a editori e scrittori di mettersi in comunicazione: insomma, un portale che congiunge la domanda all'offerta.
Se volete contattarmi, cliccate su:
http://www.scribox.it/clapi9
A presto,
Cla.